Come scegliere un buon filtro per l’acqua di casa propria

Vediamo oggi come scegliere un filtro per l’acqua della propria casa. Molti clienti ci chiamano sovente per sapere quale sistema filtrante introdurre all’interno della loro abitazione. Per questo motivo abbiamo deciso di scrivere un articolo su questo nostro blog in cui trattiamo l’argomento.

I punti per capire come scegliere un filtro per l’acqua della propria casa

Che acqua abbiamo in ingresso?

Per decidere come scegliere un filtro per l’acqua della propria casa, bisogna innanzitutto valutare da dove proviene l’acqua del nostro rubinetto. Acqua proveniente dall’acquedotto cittadino oppure acqua di pozzo? Successivamente fare delle analisi in maniera da essere certi di andare ad acquistare il filtro corretto. Una prima analisi dell’acqua può comodamente essere fatta a casa propria con un semplice kit di analisi fai da te.

Filtrare tutta l’acqua di casa o solo l’acqua che beviamo o usiamo per cucinare? 

Il punto è nevralgico, cerchiamo di fare un po’ di chiarezza. Anni fa ad esempio andava molto di moda l’osmosi inversa. La chiave della questione è che molte volte non è necessario introdurre nel proprio appartamento un sistema esageratamente invasivo. Può bastare un semplice sistema di micro filtrazione, vediamo la casistica.

Sistema di filtrazione per tutto l’impianto casalingo

Questo sistema è utilizzato principalmente nelle case di campagna e da un’utenza che beve un acqua proveniente da un pozzo artesiano. Il pozzo artesiano pesca acqua da una falda più o meno profonda, più la fossa è profonda più ci sono garanzie sulla qualità dell’acqua presente. L’acqua di falda può essere però influenzata molteplici fattori di natura umana che ne possono aumentare la carica batterica. In questi casi spesso si ricorre a questa soluzione: Come scegliere un filtro per l'acqua della propria casal’installazione di uno sterilizzatore UV 55 Watt coadiuvato da un prefiltro a sedimenti. Di questo argomento abbiamo parlato approfonditamente in quest’altro post sul nostro blog che vi invitiamo a leggere se siete interessati all’argomento.

Sistema di filtrazione sotto lavello

Sul nostro sito potete trovare diversi variante di kit di filtrazione sotto lavello. La decisione da prendere qui riguarda solamente il sotto lavello della cucina. Quindi vale a dire utilizzare l’acqua soltanto ber bere e per cucinare. La procedura di installazione è molto semplice. Bisogna collegare sotto il lavandino il filtro coi raccordi che verranno forniti e poi fare un semplice foro, sempre nel lavandino, per collegare il rubinetto da cui uscirà l’acqua filtrata. A
questo punto la scelta più difficile riguarda il filtro da utilizzare.

Noi proponiamo kit con i seguenti filtri:

  • Everpure 4C – filtro a carbone attivo dalla capacità erogante di 11000 l/m. Ottimo anche per eliminare dall’acqua l’odore di cloro e la presenza di particolato. Da utilizzare sia per bere che per cucinare.
  • Everpure 2DC – filtro a carbone attivo batteriostatico dalla capacità erogante di 2850 l/m. Ottimo anche per eliminare dall’acqua l’odore di cloro e la presenza di particolato. Vista la minor capacità filtrante da utilizzare solo per bere.
  • Everpure 4DC – filtro a carbone attivo batteriostatico dalla capacità erogante di 11000 l/m. Ottimo anche per eliminare dall’acqua l’odore di cloro e la presenza di particolato. Da utilizzare sia per bere che per cucinare.
  • Everpure H54 – filtro a carbone attivo batteriostatico. In grado di inibire la precipitazione di calcare, abbattere la presenza di metalli pesanti, dalla capacità erogante di 2850 l/m. Da utilizzare solo per acqua da bere.
  • Everpure H104 –  filtro a carbone attivo batteriostatico. In grado di inibire la precipitazione di calcare, abbattere la presenza di metalli pesanti, dalla capacità erogante di 3870 l/m.

L’utilizzo di uno sterilizzatore

Oltre al filtro può essere utile e alle volte consigliata la scelta di installare una lampada UV per eliminare completamente la presenza di batteri. Ovviamente non parliamo di lampade dalle dimensioni imponenti ma sono sufficienti debatterizzatori da 4 o 6 Watt.

Se qualcuno preferisse affidarsi ad altre marche, alternative agli Everpure consigliamo i filtri marca Profine e filtri marca Refiner.

Consigli

Riassumiamo in punti quanto detto sinora quando si pensa a come scegliere un filtro per l’acqua della Come scegliere un filtro per l'acqua della propria casapropria casa:

  • Analizzare sempre prima di prendere la decisione definitiva l’acqua in ingresso. E’ sbagliato puntare solo sulle percezioni. La maggior parte dei contaminanti peggiori è insapore, incolore e inodore (come il trialometano o i policlorobifenili o PCB, entrambi cancerogeni). Il solo sapore non è indicatore di sicurezza.
  • Ricordarsi di seguire sempre le istruzioni del produttore per quanto riguarda l’utilizzo del filtro. Utilizzare il prodotto per un tempo massimo di 12 mesi dopodiché sostituirlo.
  • Per farsi comunque una propria idea il consiglio che diamo è quello di fare una ricerca sul sito NSF per verificare la certificazione di ciascun prodotto.
  • Fare una valutazione di costi eventuali. Spesso gli impianti complessi necessitano di manutenzione. per questo motivo proproniamo prodotti in cui la manutenzione deve essere fatta una volta ogni 12 mesi ed è una procedura alla portata di tutti.
  • La maggior parte dei filtri deve essere azionato un paio di volte prima di poter operare al massimo della sua efficienza. In questo modo viene eliminata ogni particella di carbone fine dalla cartuccia. Ne parliamo in questo post. A tal proposito ricordatevi sempre di giudicare il prodotto acquistato dopo un paio di utilizzi.

Speriamo abbiate trovato utile questo articolo. Nel caso vi chiediamo di farci un 

admin

Acquaxcasa - Negozio di ricambi nel campo filtrazione acqua. Bombole Co2, filtri a carbone attivo, sterilizzatori UV, resine cationiche e molto altro. Tutto per il trattamento acqueo.

12 pensieri riguardo “Come scegliere un buon filtro per l’acqua di casa propria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *